Classe III

La casa delle rime

150 150 Silvia Ferrari

Tabella per spiegare la rima baciata, alternata, incrociata e incatenata.

 

LA CASA DELLE RIME

 

Settembre a scuola

150 150 Silvia Ferrari

Settembre è tornato dalle vacanze

e piano piano ritorna a  scuola

si aggira lento tra mille stanze

cercando affetto, una parola…

Dovrà prestare molta attenzione

c’è la distanza da rispettare

ai suoi amici darà un bacione

ma da lontano, senza rischiare.

Mesi passati a parlar di scuola

tanta la voglia  di cominciare,

forza , partiamo, il tempo vola

nuove esperienze da generare.

E gli studenti grandi o piccini

dimostreranno impegno e valore,

non più lontani, ma non vicini

staranno insieme per molte ore.

È una fortuna che gli insegnanti

per cui ci vuole molto rispetto,

abbiano  a cuore i loro studenti

e a loro volgano  tanto affetto.

Caro Settembre, sai che faremo?

Torniamo  in classe senza timori,

con il buon senso riprenderemo

per costruire sopra gli errori.

La nostra scuola non può mancare

e rinnovata guarderà avanti,

ogni studente vuol ritrovare

compagni, amici ed insegnanti.

L’anno scolastico lieto sia

e che non manchi mai un sorriso,

la scuola è il luogo in cui la magia

tutto trasforma in un paradiso.

La nostra scuola

150 150 Silvia Ferrari

Siamo arrivati alla fine dell’anno

e c’è qualcosa che tutti ben sanno

In questi mesi la scuola è cambiata

strana e diversa da come è iniziata.

Giunti alla fine di questo percorso

ora il bilancio del tempo trascorso

porta a noi tutti un sasso nel cuore

che pesa più di ottomila parole.

Niente più abbracci e niente bacioni

ma dallo schermo cantiamo canzoni,

molte le lacrime e tanta emozione

ora compaiono per l’occasione.

Di questi mesi è mancato l’affetto

ogni momento, lezione o progetto.

Sono mancate le belle risate

che nella classe  son le più  amate.

Abbiamo avuto coraggio e  pazienza

in questa  didattica d’emergenza

e la distanza non ci ha allontanato

perché una traccia di noi ha lasciato.

Con entusiasmo ripartiremo

tutti a settembre a scuola saremo

dove ci aspettano dei cambiamenti

ma noi saremo  tutti contenti.

Alunni, insegnanti e genitori

sperano che questa scuola  migliori

questa esperienza forse è servita

ad apprezzare di nuovo la vita.

Ora il riposo in famiglia  ci aspetta

staremo insieme ma senza fretta

poi uniremo  le menti e il cuore

per costruire un futuro migliore.

Caccia al tesoro cl 3

150 150 Silvia Ferrari

 

 

GIORNO

 

FILASTROCCA RISPOSTA ILLUSTRATA

(disegno + scritta)

 

 

Lunedì

 

 

 

In cucina puoi cercare

un oggetto per filtrare,

tiene solo quel che basta

il suo nome è …………

 

 

 

Martedì

 

 

Corri in bagno e troverai

ciò con cui ti laverai

non è solo nell’impresa

ma è dei denti la difesa ….

 

 

 

Mercoledì

 

 

Ora in camera vedrai

quanti amici troverai,

uno serve a riposare

e la testa rilassare ……

 

 

 

 

Giovedì

 

 

In salotto puoi trovare

un oggetto per cambiare

se non sai il dove o quando

usa il tuo  ……

 

 

 

Venerdì

 

 

 

Per concluder degnamente

non ti mancherà più niente

il tesoro troverai

se qui a casa cercherai ….

 

 

Questa “Caccia al tesoro” è stata giocata da ………………………………………………

E la fine?

150 150 Silvia Ferrari

TROVA IL FINALE A QUESTO RACCONTO

MAGO MATEMATICO

 

Vive solo perché tutti pensano sia un po’ pazzerello e i bambini si divertono a prenderlo in giro. Ha una buffa vasca da bagno che usa come pentolone e per mescolare le sue pozioni usa un rastrello!  Sotto la quercia del Bosco Beo, c’è un Mago strano ma strano vestito di piume. Si chiama Matematico perché si nutre di numeri! Sì, di numeri, lui prepara cibi a forma di numero e pensa di saper contare….

Quante risate fanno i bimbi che passano dal Bosco Beo e lo vedono mescolare i suoi intrugli. Matematico è felice perché le voci dei bimbi gli fanno compagnia e se  qualcuno si trova in difficoltà, è pronto a donare il suo aiuto. Un giorno tutti gli amici  di Alessandro erano tristi e preoccupati perché il bimbo  aveva perso il suo cagnolino. Da ormai tre giorni Linny non si trovava e Alessandro piangeva giorno e notte, non dormiva, non mangiava.  Il pianto era giunto a Bosco Beo, a casa di Mago Matematico che stava riposando sul suo letto di foglie. Senza perdere tempo, il Mago aveva preso il rastrello e…

Continua tu

 

Nomi composti

150 150 Silvia Ferrari

INSERISCI IL NOME COMPOSTO ADATTO

  • La nonna ha chiuso i suoi gioielli nella ………………………………………….
  • Mia sorella suona il ………………………………………………. da due anni.
  • Entra in casa poi appendi all’ ……………………………………..il tuo cappotto.
  • Asciuga le mani con l’ ……………………………….. azzurro.
  • A colazione la mamma usa lo ……………………………………. per preparare la spremuta.
  • Per lavare i piatti a casa abbiamo la …………………………………..

 

CANCELLA  I NOMI CHE NON SONO COMPOSTI

Madreperla – portafogli – arcobaleno – ferrovia – panetteria – girotondo –

astuccio – apriscatole – sottopentola – cameretta – francobollo – lavastoglie –

tavolata – altalena – sempreverde – pianoforte – libricino.

Scrittura creativa

150 150 Silvia Ferrari

Per scrivere un testo occorrono prima di tutto fantasia e creatività perché le parole si intrecciano ed esprimono sentimenti ed emozioni. Chi scrive, ha il compito di trasmettere tutto ciò che sente, per consentire a chi legge di entrare nel racconto. Chi legge deve poter immedesimarsi nei personaggi, provare le loro emozioni ed immaginare il loro aspetto. Per questo quando si scrive, è bene descrivere in modo oggettivo persone, luoghi e fatti nei particolari, ma aggiungere  anche una  descrizione soggettiva, che faccia trasparire i nostri sentimenti.

Ogni testo insegna, trasmette, prepara, invita, descrive, trasporta, realizza e molto altro. Un testo può diventare un modo come un altro per esprimere la nostra personalità, per dare conforto agli altri, per aiutare a vedere le parole come uno strumento  di comunicazione e di inerazione.

Alcune indicazioni:

  • è possibile scrivere ogni fatto, esperienza che viviamo, dalla lista dellec ose da fare alla descrizione di un paesaggio;
  • è importante tenere un taccuino per appuntare ciò che si vede, ciò che ci piace;
  • posso prendere appunti dopo aver letto un libro, dopo aver visitato un luogo;
  • se descrivo qualcosa, devo ricordare di usare tutti i  sensi: la vista ( cosa vedo? colori, forme, grandezze…); l’udito ( cosa posso ascoltare? Suoni, rumori, voci … ); l’olfatto ( cosa posso annusare? Profumi, odori sgradevoli …); il tatto ( cosa posso toccare? Liscio, ruvido, morbido, duro …); ed infine il gusto ( cosa assaporo? Dolce, amaro, aspro …);
  • scrivere deve essere un piacere, un modo divertente per entrare in contatto con le altre persone;
  • quel che scrivo può essere uno spunto, una riflessione, un parere, una descrizione, una lista, una ricetta, per cui devo decidere cosa scrivere.

La scrittura che io chiamo creativa, offre molte possibilità di connessione, per esprimere noi stessi nel miglior modo possibile, per lasciare una traccia in un preciso momento storico, per dar voce ad emozioni e sentimenti. Tra le righe, dovrebbero leggersi anche semplicità, fantasia e similitudini, esempi di vita vera, perché in fondo è proprio grazie alla nostra esperienza di vita che possiamo valorizzare in modo creativo ed originale anche un testo scritto.

 

 

Articoli determinativi

150 150 Silvia Ferrari

COMPLETA CON GLI ARTICOLO DETERMINATIVI IL, LO, LA, I , GLI, LE, L’

( l’ si usa se si toglie la vocale, con nomi sia femminili che maschili. Ricorda!)

1) Ieri  pioveva e ho usato  …… ombrello nuovo.

2) …….. stagno è piccolo per tutti gli animali che ho visto.

3) …… nonna cucina ……… gnocchi.

4) Nel mio giardino ho …….. albero di mele.

5) Mi piace giocare con ……… amici e …. miei compagni e compagne di classe.

 

INSERISCI L’ARTICOLO DETERMINATIVO ADATTO

  • ………maestra scrive  sulla lavagna.
  • ……. pilota guida …..auto da corsa.
  • …… medico cura …. pazienti ammalati.
  • ….. ballerine danzano sul palcoscenico.
  • ……boscaioli tagliano ….. legna.
  • …… rane saltano da un sasso all’altro.
  • …… cuoco ha cucinato un buon risotto alla zucca.
  • …… rami degli alberi in primavera sono colmi di  nuove foglie.
  • ………. alunni leggono ….. libro.
  • ……….. mamme giocano con  ….. loro bambini.

Articoli indeterminativi

150 150 Silvia Ferrari

COMPLETA CON GLI ARTICOLI INDETERMINATIVO UN, UNO, UNA, UN’ (un’ si usa solo se si toglie la vocale e il nome è femminile! Ricorda!) OPPURE PARTITIVO DELLE, DEGLI

  • …………… bambino giocava a calcio.
  • Nel bosco ……………….. alberi sono stati abbattuti
  • Nel mare ho visto ……………. grosso pesce.
  • Vuoi mangiare ……………. pesche?
  • Io ho ……….. amica speciale.
  • In ……. prato fiorito c’erano ……….margherite.
  • Su …… panchina c’erano due signore.
  • ……….. bambina cantava ……. bella canzone.
  • La zia ha comprato ….. nuova  tazza.
  • Il nonno ha aggiustato …… mio vecchio giocattolo.
  • Avete ……. elastici da prestarmi?
  • Sei davvero ………. amica speciale.
  • Ieri è arrivato ……….amico dall’Inghilterra.

 

Come svolgere analisi grammaticale

150 150 Silvia Ferrari

L’analisi grammaticale, permette di individuare e quindi analizzare la funzione di ogni singola parola: un articolo, un nome, un verbo o un aggettivo.

Le frasi, possono essere semplici o più complesse, l’importante è saper cogliere ogni parola della frase.

  1. I bambini giocavano felici nel prato.