GUFO GRANUFO

GUFO GRANUFO

150 150 Silvia Ferrari

C’era una volta un gufo che viveva su un albero molto alto in un bosco vicino a Lodi.  Lì vivevano altri animali che si erano trasferiti da altri luoghi.

Di giorno Granufo dormiva fino al pomeriggio inoltrato e di notte cantava canzoni melodiche per i suoi amici : “ Sono gufo Granufo e mi piace cantare e stare in compagnia! Forza venite amici, se volete un po’ d’allegria …”

Ogni notte, il bosco si animava, le luci si accendevano tenui vicino all’albero di Granufo e tutti aspettavano impazienti le sue magiche canzoni. 

Di mattina poi, il gufo dormiva e spesso dormivano anche molti animaletti del bosco come il lupo, il riccio, il cervo, la marmotta e molti altri. Al risveglio mangiavano e trascorrevano il pomeriggio   con il desiderio di ascoltare le canzoni di Granufo la sera.  Quando il cielo era ormai buio, tutti si sedevano vicino all’albero di Granufo per sentirlo cantare e spesso  raccontavano qualcosa di divertente, dei grandi viaggi, dei gustosi pranzi e delle gare di gelato.

“Gare di gelato?” – chiese un giorno la giraffa Graziella.

Il gufo spiegò che le gare di gelato venivano fatte tutti i giorni, sia in estate che in inverno, perché piaceva a molti animaletti del bosco. Così anche la giraffa Graziella da quel giorno iniziò a mangiare gelato, nel cono o coppetta e provava tutti i gusti che la gelateria di nonna Gina sapeva preparare !

Che gran divertimento nel bosco, poi di sera,  a tutti gli animaletti  che passavano Granufo sorrideva e faceva con la testa SI’ SI’ … Così loro capivano di sedersi ad ascoltare le canzoni del gufo, ormai divenuto famoso!

Era un piacere guardare  Granufo ed ascoltare le sue canzoni, se vai nel suo bosco con la fantasia e chiudi gli occhi un momento, potrai sentire la sua melodia e vedere tutti gli animaletti seduti ad ascoltare…

Gufo Granufo è proprio speciale, un vero amico di tutti i bambini.

 

 

2 commenti
  • Fa sognare i piccini… e j grandi fa ritornar bambini

  • Bellissimo! Mi ricorda tanto quando ero ragazzina e le sere d’estate ci si trovava nei cortili, per sentir raccontare dalle signore i fatti accaduti in paese, durante la giornata!
    C’era il piacere di incontrarsi e di raccontarsi.

Lascia una risposta