I racconti di Silvia Ferrari

150 150 Silvia Ferrari

LA PENTOLA IMPAZZITA

In una cucina, una pentola continuava a borbottare perché un palloncino volava in continuazione e lei voleva dormire. Allora la signorina porta, un giorno chiuse a chiave e mise il portachiavi vicino ad una paletta, per nasconderlo da tutti così nessuno avrebbe potuto entrare in…

150 150 Silvia Ferrari

GUFO GRANUFO

C’era una volta un gufo che viveva su un albero molto alto in un bosco vicino a Lodi.  Lì vivevano altri animali che si erano trasferiti da altri luoghi. Di giorno Granufo dormiva fino al pomeriggio inoltrato e di notte cantava canzoni melodiche per i…

150 150 Silvia Ferrari

DOLCE E SALATO

Una bimba di nome Luna, voleva aiutare la mamma a cucinare e le aveva preparato gli ingredienti per preparare una buona pizza ed una torta gustosa. Ma aveva sistemato sul tavolo il sale al posto dello zucchero e la mamma non se ne era accorta,…

150 150 Silvia Ferrari

BARTOLOMEO E IL DELFINO

Bartolomeo era un pescatore  ed ogni giorno  andava in mare con la sua barca per pescare  molti pesci  e poterli vendere. Era il suo lavoro, gli piaceva perché amava il mare, il suo profumo e il rumore delle onde. Amava la sua barca che era…

150 150 Silvia Ferrari

LA GARA

Un  giorno il leone Lino, la tigre Tortina e la giraffa Gina decisero di fare una gara per stabilire chi di loro fosse  più veloce. Si prepararono vicino alla linea di partenza e gli altri animali si erano avvicinati per vedere la mitica corsa. Ognuno…

150 150 Silvia Ferrari

ISIDORO, L’ISTRICE INNAMORATO

Isidoro era un simpatico istrice da sempre innamorato di Ipazia, che viveva con lui e con tutti gli altri ricci del bosco. Ogni mattino, le portava un fiore profumato, alcuni semi per colazione e foglie fresche su cui sdraiarsi a riposare.

150 150 Silvia Ferrari

FATA DI NATALE

Immersi nell’oscurità di una grande città, vivevano felici tantissimi folletti, fate colorate e maghetti pazzerelli. Le loro case erano state costruite nel profondo della terra sotto la città, perché nessuno delle persone comuni voleva credere alla loro esistenza. Passavano le giornate vicino ad una sorgente…