Il pesciolino Nozene

Il pesciolino Nozene

150 150 Silvia Ferrari

In un fiume nuotavano tanti pesci colorati e il giovane  Zenone ogni giorno si recava in un punto preciso vicino ad un’ insenatura per pescare alcuni pesci e regalarli alle persone che in paese avevano bisogno. Un giorno intravide nell’acqua un pesciolino molto particolare, diverso da tutti gli altri ma curioso di saltare in superficie per farsi vedere.

Zenone allora tentò in tutti modi di avvicinare la canna da pesca a quel pesciolino ma senza riuscire a pescarlo. Alcuni  bambini sulla riva del fiume gli dissero: “Lascialo perdere quello è un pesciolino un po’ pazzerello non si fa prendere da nessuno e tutti gli altri pesci nuotano lontano da lui perché sicuramente c’è qualcosa che non va. È strano, diverso, noi non riusciamo a capirlo”.

Zenone allora rispose a quei bambini che avere qualcosa di diverso non significa essere  sbagliato, ma semplicemente avere delle caratteristiche personali e uniche in grado  di valorizzare una persona o un animale per quello che vale, come nel caso del pesciolino.

Allora un bambino proseguì dicendo: “Sai, prima di tutto il suo colore è molto strano perché non è uno solo ma sembrano miscugli e sul dorso ha delle placche tipo bottoni o tappi, non saprei.”

Proseguì un altro bimbo: “ Vedi le pinne sono di un colore ancora diverso una più lunga  e una più corta e la bocca poi non è certo come quella di tutti gli altri pesci”.

Zenone allora chiese ai bimbi di sedersi in cerchio attorno a lui e iniziò raccontare una storia che parlava di un bambino vissuto molti anni prima proprio in quella zona.

Il bambino si sentiva diverso proprio come il pesciolino ed era escluso da tutti, nessuno lo faceva giocare ma lui non perdeva l’occasione per sorridere e per uscire a divertirsi. Un giorno un gruppetto di bambini presuntuosi lo infastidì parecchio e il bambino chiese aiuto ad altri ragazzini che si trovavano a giocare nel campo vicino.

Per fortuna uno dei bimbi capì e gli disse di non preoccuparsi perché da quel momento avrebbe potuto stare con il suo gruppetto di amici. Erano infatti bimbi disponibili, che lo avevano accolto e accettato da subito, facendolo sentire amato, non diverso ma capito e coccolato, valorizzato.

Passavano i giorni e il bimbo considerato diverso aveva trovato amici veri con cui trascorrere il tempo libero e chi lo aveva preso in giro, rimaneva ora  lontano a guardare con stupore.

Dopo il racconto di Zenone, i bambini vicino al ruscello capirono che per il pesciolino era la stessa cosa: sarebbe stato più saggio scegliere di valorizzare le sue differenze anziché pensarle come a difetti. Tante volte quando non si conoscono bene le cose, le persone o le situazioni si tende a giudicare anziché ascoltare e apprezzare.

Tutti avevano il desiderio di accettare e apprezzare il pesciolino e si misero d’accordo per incontrarsi il pomeriggio seguente con le loro canne da pesca al fiume.

Come ogni giorno, videro il pesciolino che saltava fuori dall’acqua ma invece di nascondersi perché schizzava, applaudivano e lo incoraggiavano a saltare più in alto e gli altri pesci, vedendo il comportamento dei bambini, fecero lo stesso.

Arrivò Zenone e felice di aver lasciato il suo insegnamento a quei bambini, preparo la sua canna e restò ad aspettare. Quel giorno  riuscì a pescare tantissimi pesciolini da regalare alle persone del paese, anche i bambini si posizionarono con le loro canne da pesca, ma nessuno voleva pescare il pesciolino diverso perché pensavano che per quel fiume fosse una risorsa importante, un’attrazione, qualcosa di speciale da tutelare.

Da quel giorno i bambini decisero di chiamare il pesciolino Nozene, che per loro significava nuova emozione e generosità. Emozione perché grazie al racconto di Zenone avevano imparato ad apprezzare le differenze. Generosità perché con lo spirito libero, propositivo, tutti erano riusciti a pescare molti pesci da regalare alle famiglie bisognose.

Oggi, passando per quella insenatura, possiamo vedere con l’aiuto della nostra fantasia qualcosa di colorato e luccicante guizzare fuori dall’acqua. I bambini rimangono a guardare sperando di vedere il pesciolino Nozene, ormai diventato una leggenda e un esempio di bene comune.

Con un filo e un ramoscello puoi pescare anche tu emozioni, fantasia e affetto da donare a chi vuoi, per rendere il mondo un posto migliore in cui è bello trovare amici nuovi e unici.

                   Illustrazione di Jessica Bassan