LA PENTOLA IMPAZZITA

LA PENTOLA IMPAZZITA

150 150 Silvia Ferrari

In una cucina, una pentola continuava a borbottare perché un palloncino volava in continuazione e lei voleva dormire. Allora la signorina porta, un giorno chiuse a chiave e mise il portachiavi vicino ad una paletta, per nasconderlo da tutti così nessuno avrebbe potuto entrare in cucina.

Una sera però, si sentivano rumori strani: la signorina porta aprì e vide una gran confusione. I piatti facevano saltare la pasta, due palline rimbalzavano, il signor polsino con la pila faceva luce ad un portapenne che voleva ballare. La povera pentola si mise un paraorecchie per non sentire i rumori ma non serviva a niente. Ad un tratto la pentola impazzita,  alzò il coperchio e si mangiò tutti  gli amici rumorosi.

Finalmente silenzio, la pentola poteva riposare! Dentro di lei però qualcosa non andava: nessuno era contento di stare rinchiuso, poi c’era troppo silenzio. La pentola allora, capì che anche se rumorosi, i suoi amici le mancavano davvero tanto. Niente più risate in cucina, niente più profumo di ragù e polpette, ma solo silenzio e tristezza. Così fece uscire i suoi amici dal coperchio e disse a tutti che si sentiva sola e triste senza i rumori, senza di loro! Tutti  iniziarono a cantare e ballare, la pentola stava per borbottare ma … sorrise anziché arrabbiarsi e scoppiarono tutti quanti in una risata! Da  quel giorno la pentola, le palline, i piatti, la pasta, il palloncino, la pila, il polsino, il portapenne, il portachiavi, il paraorecchie e la paletta vissero insieme felici  in cucina!

 

 

 

 

Lascia una risposta