Poema preistorico

Poema preistorico

150 150 Silvia Ferrari

All’origine del mondo

nulla c’era sullo sfondo,

solo una gigante palla

rossa, arancio, verde e gialla.

 

Il Big Bang l’ha poi scoppiata

e la Terra si è formata,

Paleolitico è iniziato

e con lui anche l’uomo è nato.

 

Primo ominide scavato

fu di donnna ritrovato

lei sa correre e scappare

e col pollice afferrare.

 

Homo Habilis appare

lui che cosa potrà fare?

Con un po’ d’intelligenza

crea utensili da scienza.

 

Homo Erectus ha scoperto

l’elemento a cielo aperto:

caldo fuoco per scaldare

cucinare e illuminare.

 

L’homo Sapiens ha viaggiato

perché il clima era cambiato

prima  caccia e  poi cucina

grandi mucche o selvaggina.

 

Donne san cucir vestiti

con attrezzi più appuntiti,

nelle grotte che stupore

i disegni  ed il colore.

 

Col  Neolitico però

tutto quanto poi cambiò

pietra, ferro e la natura

regalò l’agricoltura.

 

Fu così che piano piano

prima il cranio poi la mano

l’uomo con l’evoluzione

migliorò la situazione.

 

Oggi tutti noi sappiamo

perchè a scuola lo studiamo,

tutti questi avvenimenti

ci hanno reso più sapienti!