Un’esistenza felicemente imperfetta

Un’esistenza felicemente imperfetta

150 150 Silvia Ferrari

“ Essere felici non significa che ogni cosa è perfetta.

Significa che hai deciso di guardare oltre le imperfezioni “ (Brahma Kumaris)

Ho trovato questa frase sul calendario e credo  sia adatta ad ogni giornata che si apre nelle nostre vite. Spesso cerchiamo la felicità e pensiamo di poterla raggiungere quando  possediamo beni materiali, oggetti che aumentano apparentemente la nostra gioia. Cerchiamo la perfezione quando questa in realtà non esiste , ma esiste un modo per essere felici, che è l’insieme di tante splendide e uniche imperfezioni. Le piccole cose, i piccoli momenti spesso ci suggeriscono importanti valori: un sorriso, un caloroso saluto , un consiglio, la vicinanza di una persona cara,un amico ritrovato , l’affetto dai familiari , la stima  nei nostri confronti e la nostra verso  agli altri.

La felicità si costruisce un’emozione dopo l’altra, facendo tesoro di ogni singolo attimo che ci fa stare bene prima di tutto con noi stessi e poi con gli altri.

La felicità va cercata dentro di noi, manifestata senza eccessi ma con la consapevolezza di dire: eccomi, sono qui, faccio del mio meglio per vivere la vita seguendo valori etici, morali e religiosi che mi arricchiscono, rendendomi ogni giorno una persona migliore.

E poi si sbaglia certo, ma non ci si ferma di fronte all’errore. Si riconosce, si affronta e si cerca di superarlo con la forza che arriva da noi, quella forza che ci rende felici se riusciamo a superare gli ostacoli. La forza  ci spinge a guardare oltre, ci consente di osservare ciò che viviamo e a trovare sempre un valido motivo per scoprirci felici.

La forza e la felicità sono scelte di vita e ci aiutano a ritrovare in ogni percorso la vera essenza del nostro essere, a guardare oltre, per scoprire la bellezza di un’esistenza felicemente imperfetta.

 

Lascia una risposta